Intervista al Dott. Nino Amato

A distanza di due anni, torniamo a fare due chiacchere con il nostro Dott. Amato. In due anni sono accaduti numerosi avvenimenti, primo fra tutti la vittoria di Marco Zambuto alle elezioni comunali; due anni comunque pieni di soddisfazioni per il nostro dottore: dalla nomina ad Assessore alla Cultura, Spettacolo e Verde Pubblico con l’amministrazione Piazza, svolgendo un eccellente lavoro, riconosciuto dal premio come migliore assessore dell’anno, al brillante risultato ottenuto alle elezioni arrivando primo nella coalizione della CdL e secondo in assoluto.
Parliamo innanzitutto delle elezioni comunali di quest’anno: Cosa pensa della vittoria di Marco Zambuto? Qualche commento sulla politica di Zambuto e sull’operato della giunta fino ad ora.
Innanzitutto ben trovati a tutti e grazie dell’ospitalità nel vostro sito e un saluto a tutti i Montapertesi, vicini e lontani. Dopo un po’ di assenza ritorno a parlare di me e della mia attività politica su questo sito, con un entusiasmo ed una responsabilità maggiore visto il recente risultato elettorale. Sulla vittoria di Zambuto, posso dire solo che ha vinto un amico, colui che è stato fino a qualche mese fa mio segretario politico provinciale, e questo la dice lunga sulle nostre idee e sui rapporti col nuovo sindaco. Per quanto riguarda l’operato suo e della giunta fino ad adesso, in grande onestà, è difficile esprimere un giudizio: si potrà giudicare, invece, dopo questo periodo di “luna di miele” dove sono stati sicuramente molto bravi a curare mediaticamente la propria immagine.Come sapete da poco il Consiglio, con grande responsabilità ha consegnato nelle loro mani votandolo all’unanimità il bilancio, mettendoli nelle condizioni di avviare la macchina amministrativa. Essendo stato il primo eletto nella sua coalizione, le sue aspettative nei confronti del proprio partito o più in generale della CdL.
Sono molto soddisfatto per il risultato elettorale che mi ha visto primo eletto della Cdl, storicamente una novità considerato che ad Agrigento era sempre stato primo eletto un candidato di Forza Italia. Consentitemi: per la prima volta un candidato Montapertese risulta essere il più votato della Cdl. Le mie uniche aspettative in atto sono quello di servire nel migliore dei modi Agrigento e le sue frazioni.
Cosa pensa dell’incarico datogli dall’amministrazione Zambuto? Cosa intende fare per svolgerlo al meglio.
Sono stato eletto Presidente della commissione Solidarietà sociale, che è una branca molto impegnativa e delicata perché cura e disciplina la distribuzione delle risorse agli indigenti. E’ motivo di orgoglio, come avete sentito dai giornali, in poco tempo, avere allestito, votato ed adottato il “regolamento di accesso ai servizi residenziali”.
Lei è stato nominato Assessore alla Cultura durante l’amministrazione Piazza: cosa è stato fatto, cosa poteva ancora essere fatto.
Ritengo che l’esperienza di Assessore alla Cultura durante la scorsa amministrazione mi ha sicuramente arricchito come uomo e come politico. Mi onoro di avere contribuito a delle grossissime novità; una fra tutte la “Programmazione unica degli eventi estivi” che per la prima volta ha consentito di lavorare in sinergia Comune, Provincia, Ente Parco e privati nella realizzazione di un cartellone degli eventi che è stato sicuramente il migliore degli ultimi anni. Altro aspetto che ho curato è la grandissima attenzione agli artisti locali che hanno avuto un momento di crescita e di confronto tra loro. Certamente l’obiettivo programmato era di coinvolgere in quel cartellone anche la Regione e considerati le attenzioni ricevute anche da quell’assessorato ci ritenevamo sulla buona strada.
Per il suo operato nella giunta di Piazza ha ricevuto il premio come miglior assessore dell’anno. Commenti a riguardo.
Il premio ricevuto come migliore Assessore dell’anno 2006 è motivo di ulteriore soddisfazione e sono convinto che sarà anche orgoglio di tutti i Montapertesi ai quali lo dedico e a uno in particolare che non c’è più, che è mio padre.
Essendo un montapertese, lei ci rappresenta al consiglio comunale: quali sono i progetti che vorrebbe portare avanti per Montaperto?
I miei progetti per Montaperto sono sempre gli stessi: migliorare la viabilità interna per la quale sicuramente di più potevano fare i politici e i responsabili comunali negli anni, anche se un grosso obiettivo sta per raggiungersi appaltando finalmente la Piano Gatta-Montaperto per cui un grosso ringraziamento dev’essere rivolto al Presidente della Provincia Vincenzo Fontana, che senza sbandierare meriti in maniera finalistica e dimostrando grande responsabilità ha condotto in porto questo obiettivo. Qualsiasi progettualità futura, e il percorso programmatico che porterà alla sua realizzazione sarà discusso in un continuo confronto con la gente di Montaperto e in particolare con i giovani, in un ottica di pluralità di pensiero e di azioni che hanno un unico scopo: portare un confronto sereno e più proficuo e di grande chiarezza mirato ad un unico fine, quello di migliorare la condizione di vita nel nostro borgo. Non ho nessuna difficoltà a dire che spesso ho notato a Montaperto delle azioni che miravano più ad apparire personalmente che ad un concreto sforzo per il miglioramento della condizione comune. Sono altresì convinto che i giovani, ai quali consegneremo la responsabilità della conduzione politica, capiranno gli errori fatti nel tempo e qual è il miglior modo per amare il nostro paese: 1. mettere da parte il protagonismo; 2. avere rispetto delle istituzioni, e nel più semplice principio della democrazia; 3. calarsi alla sovrana volontà popolare.
Due anni fa’ lei pensava che il nostro sito "Montaperto On Line" era un’opportunità per Montaperto e i montapertesi, lo pensa ancora? E cosa si potrebbe fare per renderlo migliore?
Ci sono diversi modi per migliorare il nostro sito, ma per prima cosa bisogna amarlo un po’ di più. Avremo modo di discutere su come migliorarlo e coinvolgerlo in un azione pubblicitaria che porterebbe ossigeno e vitalità al nostro borgo sfruttando al meglio la buona volontà di alcune intelligenze Montapertesi. Approfitto per ringraziarvi per avermi dato questa possibilità e di portare a tutti i Montapertesi un abbraccio affettuoso.

Montaperto 01/10/2007
Anna Bilello